Lu mistieri cchiù anticu

 

 

 

A li tiempi certi fimmini s’ammintaru / un mistieri particulari

vinnivanu a li genti lu propriu corpu / pi aiutalli a falli sunnari

l’omu circava frineticamenti / socchi la muglieri nun sapìa fari

sti fimmineddri di cori granni / sirbivanu tutti cu picca dinari.

 

 

Un scuru  mumentu di lu nostru passatu / una di chisti la lapidaru

l’ammazzaru a cuerpi di petra / e di la Badìa l’arrizzularu

ma un picuraru di cori teneru / stu corpu marturiatu lu sippillì

sta fimmina ntisa la Pintalora / lu puestu doppu chiamaru accussì.

 

 

A l’acchianata di brualinu / davanti li scoli unni si studia

avia raputu putìa la Pinta / ca pi li mistichi era na ludia

tutti dicivanu “ travaglia bona” / “ti fa vidiri nzina li stiddri”

anchi picchì è di pilu russu /  nun sulu miezzu di li capiddri.

 

 

Doppu na iurnata di travagliu / quannu calava la siritina

lu viddranu si iva a calliari / intra lu liettu di la zà Catina

c’era sempri una di chissi / ca travagliava in quarchi vaneddra

li cchiù granni sicuru ricordanu / zà Maricchia la Vuccireddra.

 

 

Spissu cu fari suspettu / c’era gran fuddra ad ogni ura

davanti la casa di ddra bonarma / di Luvicia la Sunatura

nisciennu di li taverni beddri vivuti / circavanu aria e cu sta scusa

cumminti eranu di sbriacarisi / miezzu li cosci di Caluzza la Sciuscia.

 

 

Sugnu cunvintu ca sti fimmini / svulgivanu certu un ruolu sociali

sennò l’uemini turnavanu intra / assatanati comu l’armali

mai a lu munnu un dittu anticu  / potti pinsari na cosa cchiù sana

ca nun esisti di cchiù ginirusu / di lu gran cori di na buttana.

*************

 

 

 

 

Gesù e la liberazioni di lu bisuegnu.

 

 

Quannu Diu mannà / a so figliu nterra

fu pi nsignari paci / e nun fari cchiù guerra

lu so verbu pridicava / giustizia e umanità

pi liberari l’uemini / da piccati e puvirtà.

 

 

Cchiù facili è trasiri / un cammellu ntra na guglia

ca un riccu mparadisu / si un puvirieddru spoglia

lu munnu à sempri statu / cu troppi diffirenzi

cu avi lu ventri chinu / cu nenti ni li panzi.

 

 

Mi pari di vidillu / stu poviru Cristu ncruci

sutta c’è so matri / ca chiangi e ca fa vuci

ni dissi ca pi so patri / l’uemini su tutti uguali

funnò la sò Chiesa / pi diffunniri stu idiali.

 

 

Ci su tanti parrina / ca lassanu la famiglia

duerminu cu li lebbrosi / intra lietti di paglia

e missiunari stannu / cu ccu mori di fami

scigliennu lu veru modu / pi anurari lu so nomi.

 

 

Ora iu m’addumannu / chi diffirenza c’è

si criu a lu Signuri / e a lu cumpagnu “Che”

campari tutti in letizia / e un munnu miegliu criari

prigari è cosa santa / ma s’avi anchi a luttari.

 

 

Chistu tanti parrina fannu / in America Latina

unni li genti muerinu  / di fami ogni matina

la veru Chiesa è ccà / ni sta nova teologia

pi aviri un munnu giustu / comu Gesù vulìa.

****************

 

 

La prima volta

 

 

 

Brividi lungo la schiena,

 

tremori alle gambe, respiri affannosi

 

nel petto il cuore accelerato a mille,

 

esplosero, miriadi sensazioni in un attimo,

 

sopraggiunse  poi uno stato di prostrazione

 

tale  da desiderare fermare il tempo.

 

Vidi la luce, attraverso il colore dei tuoi occhi,

 

scoprii il piacere, in quel caldo,accogliente nido.

 

Fu così che conobbi l’universo nella sua intima essenza,

 

divenni uomo nel volgere di un incontro.

 

Dimenticherò mai quel momento ?

 

Non ricordo più il tuo volto,

 

dolce piccola venditrice d’amore.

 

 

 

 

 

(  nel giorno del mio 14° compleanno )

 

 

                                                              Totò Treppiedi